Distribuzione & eCommerce

Il cluster Distribuzione & eCommerce racchiude al suo interno grossisti e commercianti al dettaglio che hanno fatto di internet il loro principale canale di vendita. Le aziende appartenenti al cluster acquistano, immagazzinano e distribuiscono una vasta gamma di prodotti dall’abbigliamento agli alimentari, dai prodotti chimici ai macchinari. Il cluster include anche imprese che supportano la distribuzione e le operazioni di commercio elettronico, tra cui imballaggi, etichettatura, noleggio e leasing di attrezzature.

NUMERO ADDETTI

1.002.2965.41 %

NUMERO IMPRESE

372.787-1.04 %

VALORE PRODUZIONE

€ 388.9 MLD10.94 %

Il cluster Distribuzione & eCommerce ha al suo interno 372.787 imprese che occupano 1.002.296 addetti per un valore della produzione di € 388,9 miliardi nell’ultimo anno.
Sul totale nazionale degli addetti dei cluster traded, il cluster Distribuzione & eCommerce occupa il 13,23%, posizionandosi così al 2° posto.

13,23%

Rilevanza

Incidenza del numero addetti del cluster sul totale nazionale degli addetti dei cluster traded.

15,74%

Concentrazione

Incidenza del numero addetti delle 3 province più specializzate sul totale nazionale addetti del cluster a livello nazionale.

Il cluster sviluppa importanti sinergie con le specializzazioni produttive del territorio. Tre le provincie a più alta specializzazione vi è Piacenza, grazie ai servizi legati all’immagazzinaggio (oltre 2.000 addetti).

Barletta-Andria-Trani che impiega oltre 2.500 addetti nel commercio di frutta e ortaggi. La provincia di Catania presenta un ampio mix di attività commerciale, mentre a Milano emerge principalmente l’attività di distribuzione di prodotti farmaceutici.

Top 10 Province

RankProvinciaNumero addetti (2018)Variazione (2015-2018)
1Milano13044611.34 %
2Roma671178.25 %
3Napoli4819012.83 %
4Torino352037.17 %
5Padova252007.68 %
6Bologna249802.37 %
7Bari242163.23 %
8Monza e della Brianza229333.14 %
9Verona225626.1 %
10Firenze22387-1.91 %
RankProvinciaSpecializzazione (2018)Variazione (2015-2018)
1Piacenza1,5229.64 %
2Barletta-Andria-Trani1,51-5.61 %
3Catania1,513.02 %
4Milano1,463.5 %
5Monza e della Brianza1,46-0.49 %
6Ragusa1,380.45 %
7Bari1,34-5.14 %
8Napoli1,344.79 %
9Prato1,27-5.67 %
10Padova1,272.22 %